Nessuno dovrebbe andare al cinema se non crede agli ero · Senza categoria

Gli Incredibili 2, ma, soprattutto, Toro Scatenato

La scorsa settimana Nano ed io siamo andati al cinema a vedere Gli Incredibili2. La famiglia Parr è sempre stata di casa, da noi, magari non esattamente quanto Spiderman o Heath Ledger ne “il destino di un cavaliere” (lo recitavamo impersonando i vari personaggi, non potete immaginare il trauma quando abbiamo saputo della sua morte, ci ha fatto compagnia in loop per talmente tanti pomeriggi), ma Edna (la preferita di tutti!), Violetta, Jack, Elasti e Bob (e da ora in poi… Jack Jack!) sono sempre stati parte del nostro immaginario, e in particolar modo di quello del Nano, da sempre un patito di film di super eroi, avrebbe saltato completamente la fase dei cartoni disney in favore della marvel, non fosse stato per questo gioiellino pixar!

Siamo quindi partiti contenti e baldanzosi, giovedì scorso. Piccolo appunto. Di giovedì sera, in un cinema multisala non a catena, un bel cinema non super accessoriato (negli UCI ormai hanno la zona VIP, con poltroncine reclinabili etc) ricavato in un vecchio palazzo ristrutturato, il biglietto costava 8,5 euro. Per 2 fa 17 euro. Secondo me è una cifra esorbitante, lo trovo davvero assurdo, non so come mai lo standard del cinema si sia spostato così alto, se hanno difficoltà oggettive, ma quando leggo nei romanzi ambientati negli anni ’50-’60, specie americani, dei ragazzi che raggranellavano pochi centesimi per passare il pomeriggio al cinema, mi prende una botta di invidia mista a nostalgia di epoche mai vissute assurda. Io ho pagato qualcosa meno, perché con i punti coop ho preso una tesserina che mi garantisce uno sconto di due euro il giovedì e la domenica, ma mi sembra davvero comunque esagerato. Appunto terminato.

Il mio Nano ha quasi 15 anni. Non è nel mezzo di una adolescenza particolarmente travagliata (almeno non dal mio punto di vista, ma si sa, le mamme sono sempre le ultime a capire le cose), però è decisamente un adolescente. A volte mi nasconde le cose (a volte lo scoppio, a volte suppongo di no, chissà che altro mi nasconde), a volte mi risponde male facendomi molto adombrare, a volte cambia umore alla velocità della luce, a volte è scontroso, ma più frequentemente rimane il solito ciarliero caciarone, a volte è indifferente e pensa solo ai suoi giri di amici, ma più spesso adora ancora le coccole sul divano e le nostre lotte (siccome ora deve stare attento alla panza, non può più spiaccicarmi come al solito, perciò riesco a prevalere minacciandolo “attento attento”, e mi sta promettendo torture cinesi quando la NewNana sarà nata), tuttavia non mi aspettavo di vederlo, eccitato come un bambino di 5 anni, al cinema a vedere Gli Incredibili2.

È stato un piacere unico vederlo così, probabilmente una delle ultime volte che lo coglierò tanto infantile, saltellante sulla poltroncina rossa del cine, emozionarsi alla scoperta dei poteri di Jack Jack, gasarsi nelle scene di azione di Elasti, gongolare felice della precocissima (era banale eh) scoperta dell’identità del cattivo, un piacere che mi ricorda che il cinema è magia, e che sono felicissima di condividere con lui.

Per questo mercoledì sera siamo tornati al cinema, un piccolo cineclub arci, a Pontedera, a vedere Toro Scatenato rimasterizzato. De Niro, per me e per il Nano, è L’Attore. A prescindere dalle cagate che può aver fatto negli ultimi anni, secondo me ci ha regalato alcune delle interpretazioni più intense della storia del cinema. Avevo già visto Toro Scatenato, ma, come mi dico sempre, la casina dei film è il cinema, specie se si parla di film belli, e vedermelo di fronte, in tutta la sua grandezza, è stata un’emozione fortissima. Eravamo soltanto in 5, in questa piccola sala confortevole, niente pubblicità prima dell’inizio, e quando si è spenta la luce e sono partiti i titoli di testa, con De Niro che danza sul ring, quel bianco e nero che quasi stordisce, nella sua poesia, e l’intermezzo de “La cavalleria rusticana”, il Nano ed io ci siamo accoccolati testa a testa, emozionati. In questa scena iniziale c’è tutto il film, compresso in pochi, meravigliosi fotogrammi. Jack boxa, e boxa senza un avversario fisico, perché l’avversario vero, per tutta la sua vita, sarà solo se stesso con i suoi demoni, le sue ossessioni, i suoi nemici immaginari.

La trama è arcinota, perciò non sto nemmeno a raccontarla nel dettaglio, l’ascesa e la rovinosa caduta di Jack La Motta, sono ormai nell’immaginario collettivo di tutti.

La danza di De Niro sul ring, quella cinepresa che sembra prendersi i colpi, che sembra raccogliere gli schizzi di sangue e sudore, gli scambi tra Robert De Niro e Joe Pesci (perché Robert è talmente spaziale da prendersi la scena tutta intera, ma quanto è bravo e sottovalutato Joe Pesci?) tutto concorre a far sì che noi che guardiamo questo film rimaniamo costantemente a bocca aperta.

Mi sono sentita piccola piccola e grata, di fronte a questo film.

Vale non ha capito tutto. Quando siamo usciti mi ha chiesto perché a un certo punto la trama si è sfaldata, perché a un certo punto è andato tutto a rotoli e sembrava che non ci fosse più un singolo lato della sua vita che Jack riuscisse a tenere insieme. Come si spiega questa cosa a un adolescente ottimista? Come si fa a dire che a volte capitano momenti in cui i tuoi demoni ti aggrediscono e allora devi fare un lavoro continuo e meticoloso di appuntellamento degli argini che impediscono che tu venga travolto? Io ci ho provato, senza troppa convinzione, intimidita dal suo sguardo curioso e un po’ troppo sicuro di sé (lo ero anche io, a 15 anni).

Spero però che la condivisione di questi momenti (quando ci siamo abbracciati un po’ commossi di fronte a quella meravigliosa scena iniziale) cementino il nostro rapporto, che le passioni che ci legano siano un filo sottile ma resistente che contribuisca a farci sentire vicini anche quando saremo lontani (nonostante ieri l’abbia minacciato di morte quando mi ha abbracciato e mi ha detto “Ti sento un po’ più larga, mamma, ora ti salvo sul cell sotto il nome “Barilotto”).

4 pensieri riguardo “Gli Incredibili 2, ma, soprattutto, Toro Scatenato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...