Senza categoria

Piccoli librini che ti fanno compagnia

Non riesco a scrivere una mazza. Sai che perdita, verrebbe da pensare, e invece no, perché fare piccoli post stupidi, per me, è abbastanza confortante.L’anno è partito in salita, gennaio è stato segnato da una botta di insonnia che mi ha lasciato devastata e spaventata, per oltre 20 giorni non sono riuscita a dormire, andare a letto la sera era diventato fonte di ansia.Poi l’insonnia, fulminea come era arrivata, è sparita, lasciandosi il solito strascico di numerosi risvegli, ma quelli non sono una novità e così, in qualche modo, riesco a riposare.

Siccome scrivere mi è sempre di aiuto, mi sono riproposta di dedicare regolarmente anche solo dieci minuti al giorno a buttare giù qualche riga, non fosse altro che il banale racconto di un episodio insignificante.

Sto leggendo poco e male, in questi ultimi tempi, ho un post sbocconcellato su “A volte ritornano”, che contiene i più bei racconti brevi che abbia letto di Stephen King finora, e un altro post rattoppato su tre librini che ho letto a gennaio. Per cercare di sbloccarmi con la lettura (litigavo con Herzog, libro molto bello, ma al di là della mia portata, attualmente, perché ho la concentrazione di un criceto ritardato) ho cercato dei gialli-thriller che scorressero via lasciandosi leggere agilmente. Per questo motivo ho letto, in rapida successione, “La pioggia fa sul serio”, dell’accoppiata Guccini-Macchiavelli, “La foresta”, del mio autore divertissement per eccellenza, Lansdale, e “La principessa di ghiaccio”, perché ho sempre diffidato dei mega successi editoriali, ma dopo Harry Potter ho imparato a non giudicare senza prima aver letto (mi permetto di avere pregiudizi, però, su Moccia e sulle 50 sfumature).

 “La pioggia fa sul serio” è un giallo onesto. La trama non è niente di che, ma, se amate le atmosfere retrò, Guccini e Macchiavelli sono bravissime a evocarli, se subite il fascino delle comunità montane (appenniniche, in questo caso, e io le sento un po’ “di casa”) e la nostalgia per un mondo che non c’è più, appena appena offuscata dalla consapevolezza che quel mondo era difficile e faticoso assai, il libro merita, coccola e fa compagnia (io ci ho fatto anche colazione. Adoro fare colazione leggendo, peccato riuscirci davvero solo il sabato! La tazza di spiderman ha sempre un suo perché 😂😂😂).

  

 “La foresta” non è il miglior Lansdale, ma decisamente neppure il peggiore. C’è un ragazzino che perde una bella dose della sua innocenza, dei personaggi anche più duri di Hap e Leonard e dei cattivi davvero davvero cattivi. Ci sono sangue e pistole, bordelli e tanto alcool, e io me la sono spassata (ho fatto colazione anche con lui, piacevolezza alle stelle)!

  
 “La principessa di ghiaccio” è una discreta cagata, invece. Se fossi un bravo scrittore di thriller mi sentirei un po’ risentito del suo successo, perché è veramente infarcito di luoghi comuni, perché la trama è piuttosto banale, e l’unica cosa che non mi è disgarbata è la gelida ambientazione nordica. 

Annunci

5 thoughts on “Piccoli librini che ti fanno compagnia

    1. Allora attualmente, per comodità, sto utilizzando l’iPad, che però ha il pregio-difetto di essere retroilluminato, ottimo per leggere anche al buio, ma so che a qualcuno dà fastidio (a me no, e poi lo lascio sempre a luminosità minima). Prima utilizzavo il Kindle non retroilluminato, e l’effetto è proprio quello della pagina, ovviamente solo alla vista, non solo al tatto. Mi permetto di consigliarti, se deciderai di comprarlo, di sentire la biblioteca dalle tue parti, perché il servizio che permette di noleggiare e-book è poco conosciuto e semplicemente fantastico 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...